I nostri valori 


ESIGO

Significa "voglio", "pretendo" il meglio. Sempre. In ogni occasione. Trovi che ci sia arroganza in questo? Superbia addirittura? Ti assicuro di no. È solo che so esattamente ciò che voglio e con il tempo ho imparato a ricercarlo. E a ottenerlo. Per me l'esigenza è una necessità, un desiderio assoluto. Un lusso superfluo? Non direi proprio. Mi piace la vita vissuta in un certo modo; dettagli e sfumature sono determinanti. Perché c'è una grande differenza tra essere preopotenti e decisi, banali e semplici, appariscenti e naturalmente al centro dell'attenzione. La stessa differenza che c'è tra "mi accontento" ed "Esigo".

 

esigo 2 net


Espositore vini Esigo 3 classic Champagne

 


ESIGO DISTINZIONE

Hai presente la sensazione che provi, quando metti gli occhi, o le mani, su qualcosa che ti piace? Sai che non tutti possono permettersela e per assurdo a quel punto la desideri ancora di più. Ci pensi, rifletti e, poi, decidi di concederti il lusso dell'esclusività. Neanche a me piace lo spreco e ancor meno l'ostentazione, ma penso che non ci sia niente di male nel prestigio che deriva dalla raffinatezza e dal buon gusto. 

La ricercatezza è un valore che trascende la ricchezza.

 

ESIGO BELLEZZA
Un viso, un fiore, un quadro. Mi accorgo che ricerco eleganza in tutto ciò che mi circonda: oggetti o persone, orizzonti, paesaggi, fotografie, dipinti o ritratti. Mi appartiene uno stile preciso. Subisco sia il fascino delle cose belle sia il gusto di quelle buone. Starai pensando che si tratta palesemente di una mia debolezza. Lo so, ne sono consapevole e non lo nego, ma ti posso confessare che la coltivo con piacere.

Se la classe non è acqua, sarà forse un buon vino?


esigo 7 espositore vini

Dettaglio Esigo 5 portabottiglie design



ESIGO QUALITÀ
Non so essere mediocre. In tutto ciò che faccio metto sempre il massimo impegno; la cura dei dettagli per me è fondamentale. Sono fatto così e cerco lo stesso rigore negli altri. Immagino che succeda anche a te. Le cose che ti circondano devono essere di ottima fattura, costruite con materiali di pregio, senza mai dimenticare il rispetto per l'ambiente. Sarà un'utopia, ma sono molto esigente e miro alla perfezione.
So apprezzare anche le piccole sbavature: come un neo all'angolo di un sorriso.


ESIGO PASSIONE

Faccio un lavoro che mi appaga. Guido la stessa macchina da sempre, d'epoca, la prima che ho potuto comprare con i miei soldi. Colleziono vini. Molto costosi, a volte, o semplicemente molto buoni. Sono legato ad una persona che ogni giorno sceglie di stare con me. E ogni giorno lo affrontiamo insieme, con slancio e coinvolgimento. Vivo la mia vita intensamente e non mi vergogno di ammettere che sono schiavo dell'amore.

Ma è un giogo che ti auguro di dover portare, perchè scoprirai che regala libertà.

 

Portabottiglie design Esigo 5 Noce Canaletto


esigo 8 portabottiglie moderno




ESIGO CREATIVITÀ
Mi piacciono i musei, i vernissage, le rappresentazioni. Ci vado non per riempirmi gli occhi di arte, che in realtà non comprendo, o per parlare di cose che in realtà non capisco. Ci vado per appagare la mia innata curiosità. Credo che da tutto possa nascere uno spunto, un'idea.

L'estro sta anche in questo: nel riconoscere l'originalità quando la si incontra e nel saperla poi sfruttare. E ricreare.


ESIGO FUNZIONALITÀ

Ti aggiri in uno showroom, sei circondato da bellissime sculture, composizioni sinuose, forme inaspettate. Pensi a oggetti concettuali, all'installazione di qualche artista visionario. Poi, scopri si tratta di porta ombrelli. Apprezzo il design d'avanguardia, tanto quanto apprezzo la praticità. Non sopporto di dover armeggiare ore per aprire una bottiglia di vino con un cavatappi futuristico dalle mille leve e utilizzi: meglio un limonadier.

Quale miglior elogio alla flessibilità e all'estetica?


valore esigo


mobile vino wss



ESIGO INNOVAZIONE
Anche tu in seconda elementare hai chiesto alla maestra di sposarti? C'è che la chiama intraprendenza. Anche tu alle superiori hai dato fuoco al garage per costruire un robot telecomandato? C'è chi la chiama ricerca. Anche tu da apprendista hai messo anima e corpo in un progetto indipendente e poi il tuo capo l'ha bocciato? C'è chi lo chiama pionierismo.
Che ora tu sia sposato con la sosia della maestra, ingegnere elettronico o amministratore delegato, poco importa: di certo conosci il valore dell'ambizione.

Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Leggi l'informativa allegata